Sogni che fanno ancora male! ❤️❤️❤️

Svegliarsi tristi per aver pianto nel sonno non mi piace ma qualche volta succede! E stamattina ho iniziato la giornata così!! Nel mio sogno stranamente c’era il nonno Toni che non ho mai sognato da quando è mancano tanti anni fa! Eravamo a casa della zia Bruna a Venezia e ad un certo punto accende la tv e mi dice di guardare perché aveva trovato dei video che mi riguardavano! Ero giovane, quando ancora stavo bene ed ero longilinea e il mio sorriso spaccava lo schermo per la sua solarità!!! Le emozioni di quella Pamela invadevano anche me. Le immagini del primo video raccontavano di una delle nostre cene tutti insieme e dell’amore che sprigionavano e che ora mi mancano. Nel secondo ballavo in teatro con le punte e piroettavo senza alcuna fatica col sorriso! Ho iniziato a piangere copiosamente di una disperazione inattesa… E nonno mi ha circondata con le sue braccia per farmi calmare e mi diceva:”Tranquilla ci sono io!”. Ma i singhiozzi non cessavano… Mi sono svegliata triste col cuore pieno di dolore… E i mille perché sono riaffiorati… Perché la vita è stata così ingiusta? Perché non potevo rimanere quella Pamela spensierata e felice? Purtroppo a queste domande non c’è stata mai risposta e non ci sarà mai… Se non fosse successo niente sarei un’altra, forse sarei peggiore, più superficiale… Ma ora sono così e non mi cambierei con nessun altro al mondo!! E dopo un attimo di smarrimento che cercava di condizionarmi la giornata, mi sono alzata e con Valerio al mio fianco sono ripartita e siamo andati ad allenarci insieme!!! ❤️❤️❤️

image

Share This:

Ricominciare

Oggi 19 gennaio sono tornata a varcare le porte del laboratorio dopo quasi venti giorni di clausura per la febbre e la bronchite… Che bello essere accolta con un sorriso, con un abbraccio da amici e colleghi che ci tengono a sapere come stai!!! Sono grata per tutto l’affetto che trovo sempre e che è più di tutto quello che io abbia mai ricevuto in passato!!! Sono sempre stata sola ad affrontare il mio mostro, gli amici sparivano o mi evitavano per la mia salute cagionevole!!! Ho imparato a vivere la mia battaglia sola e a non soffrire più perché non ero capita… Prima ci sono stati i pianti da adolescente, poi la remissività e la rassegnazione dell’adulta… Ora la gioia di godere anche dei più piccoli gesti d’affetto!!! La malattia trasforma, matura, plasma e umanamente parlando i sopravvissuti come me hanno una marcia in più: quella magica empatia che attira gli altri perché hai un atteggiamento positivo per la vita nonostante tutto e hai sempre cuore e braccia aperte per accogliere chiunque ne abbia bisogno…

Non siamo supereroi d’acciaio… Cadiamo anche noi… Ma alla fine ci rialziamo e ripartiamo! Anche perché siamo fragili soprattutto quando veniamo a sapere che un altro guerriero come Alessio se ne è andato e che altre due purtroppo perderanno la loro battaglia contro la leucemia… Continuerò a rialzarmi e a ricominciare anche per voi, così come ho sempre fatto per altri in passato! Portandovi nel mio cuore troverò sempre la forza per ricominciare!!! 

Share This: